C’è la crisi! A che ci servono gli psicologi?

Una foto di Albert Einstein da giovane, nel 1910 circa

Le logiche usate per affrontare la crisi sembrano un buon modello per riflettere in generale sulla difficoltà di uscire dai propri schemi, di cui anche gli psicologi spesso sono vittime.

Comitato di controllo dell’informazione

Glenn Close

L’informazione non sempre dà una rappresentazione della sofferenza psichica che sia rispettosa del sapere sviluppato negli anni di esistenza della psicologia come disciplina autonoma. Ne viene riportato un esempio.

5

Autostima libera tutti!

Pillole di autostima

Ci sono alcuni concetti della psicologia che sembrano un po’ sopravvalutati. L’autostima è uno di questi. Qualche considerazione critica.

Il mito della malattia mentale

Thomas Szasz da giovane

La mia traduzione di un articolo del 1960 firmato da Thomas Szasz e uscito sulle pagine di American Psychologist fortemente critico verso il concetto di malattia mentale e tutti i suoi corollari.

Giudizi a priori

Un sikh devoto a Gurudwara, scattata nel tempio di Bangla Sahib a Nuova Delhi

Usiamo spesso l’espressione “a priori” per dare valore ai giudizi e alle opinioni che esprimiamo, ma è corretto farlo?
Sottoposta ad uno sguardo critico non sembra che l’espressione abbia molto senso…

La psicologa contro i mulini ad Harmony

Copertina del libro Invito al castello della serie Harmony

Un articolo sull’influenza dei romanzi rosa sulle donne rivela come a volte l’atteggiamento assistenzialista verso alcune categorie di persone generi circoli viziosi e i tentativi d’aiuto si trasformino in tentativi di dominazione culturale.

Il mentalismo

Una scena de L'apprendista stregone

Uno spettacolo di Keith Barry, un famoso illusionista, fa riflettere sui limiti e le risorse della percezione umana, con un po’ di “magia” e in maniera divertente.

The Tree of Life

Locandina di The Tree of Life

Una breve recensione sull’ultimo film di Malick, The Tree of Life. Destinato a far discutere per le scelte stilistiche con cui è stato realizzato io l’ho trovato un film ben fatto, con una rappresentazione credibile della vita di una famiglia e della crescita dei figli. Ma la particolarità sta nei ritmi, nell’uso di immagini naturali associate alla voce narrante che propone domande a se stesso e al mondo.

Parole in prestito

Una famiglia Inuit, probabilmente nel 1917

Avete mai sentito dire gli Inuit abbiano davvero tanti nomi per definire la neve? Può darsi che sia solo una leggenda metropolitana ma in ogni caso ci parla di chi queste leggende metropolitane le produce, ovvero noi stessi.

Le logiche della rete – III

Grafico che rappresenta il plagio della tes di dottoratoi da parte del ministro tedesco Guttenberg, ora dimessosi

Come la comunicazione e la collaborazione in rete sia all’origine di una forma di controllo dei cittadini sulla vita politica, nei casi più drammatici esitando anche in vere e proprie rivoluzioni come ci hanno dimostrato le vicende che hanno coinvolto il Nord Africa in questi giorni. Alcune riflessioni a partire dall’ottica di un fautore della psicologia sistemica.

Le logiche della rete – II

Una parte del profilo Facebook di Chris Putnam

Non sempre la rete e il mondo dell’information technology seguono quella che noi consideriamo “logica tradizionale”. Un esempio ne è l’assunzione di Chris Putnam nello staff di Facebook. Putnam, un ragazzino di 19 anni, ha attaccato Facebook con un virus che si è rapidamente diffuso nel sistema. Non è stato però denunciato a piede libero ma assunto dall’azienda di Mark Zuckerberg perché, evidentemente, considerato un elemento valido.

Le logiche della rete

Immagine della rubrica Fallo, dai fallo

Una breve riflessione su come le nuove forme di relazione su internet portino alla nascita dei cosiddetti “fenomeni”, cioè quelle iniziative di successo che sul web trovano grande consenso e condivisione fino a rendere i loro promotori delle celebrità.

2

Facebook è un’ossessione?

Un infographic su facebook trovato su onlineschools.org

A partire da alcuni dati raccolti in internet si tenta una breve riflessione non banalizzante sul fanomeno di facebook

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

ADHD

Una brevissima riflessione sull’ADHD e sulla tendenza ad attribuire diagnosi alle persone e ai geni il potere di definire ogni minimo aspetto del nostro aspetto, della nostra vita, delle nostre possibilità….