Il mito della malattia mentale

Thomas Szasz da giovane

La mia traduzione di un articolo del 1960 firmato da Thomas Szasz e uscito sulle pagine di American Psychologist fortemente critico verso il concetto di malattia mentale e tutti i suoi corollari.

Definire o essere definiti – Thomas Szasz

Lo Psichiatra americano Thomas Szasz sulle definizioni

Lo psichiatra american Thomas Szasz, che non crede nell’esistenza della malattia mentale, sostiene che nel nostro mondo siano importanti le definizioni: cioè come noi definiamo ciò che incontriamo e quali definizioni danno gli altri di noi.

1

Se ne discute: psicologi, psicosi e schizofrenia

Psicologi, psicosi e schizofrenia

Soprattutto all’estero si discute molto ultimamente di che cosa significhi avere delle esperienze psicotiche e come queste debbano essere affrontate. Se la veridicità delle spiegazioni biochimiche ormai è seriamente messa in discussione ha senso che gli psicolog si interroghino sul loro ruolo nei processi di cura con persone che hanno provato queste esperienze.

La psichiatria sta andando alla deriva

Quali sono i 10 miti della psichiatria? Possiamo fidarci di quello che il senso comune ci dice rispetto agli psicofarmaci cioé che servono e vanno presi a lungo? Il co-fondatore della Cochrane Collaboration attacca le attuali abitudini prescrittive e la loro fondatezza.

La sindrome del tubero solitario

E' possibile creare un disturbo psicologico accidentalmente e far sì che la gente ne parli e lo consideri vero?

E’ possibile creare un disturbo psicologico accidentalmente e far sì che la gente ne parli e lo consideri vero?

1

Se la psichiatria inventa i suoi malati

Un articolo del NYT a proposito della creazione delle cosiddette malattie mentali

Un recente articolo del New York Times mette in evidenza la crescita delle etichette diagnostiche e la facilità con cui si possono usare. E’ da poco uscito il DSM-5, il manuale pubblicato dagli psichiatri americani con tutte le classificazioni dei disturbi mentali.

Comitato di controllo dell’informazione

Glenn Close

L’informazione non sempre dà una rappresentazione della sofferenza psichica che sia rispettosa del sapere sviluppato negli anni di esistenza della psicologia come disciplina autonoma. Ne viene riportato un esempio.

1

Il discorso del re – balbuzie e psicologia

“Il discorso del re” ci suggerisce come molti disturbi che oggi vengono considerati di origine organica abbiano componenti una componente psicologica molto rilevante.