Le donne sono più sensibili degli uomini?

Gli uomini e le donne elaborano diversamente le emozioni. Non è una novità che donne e uomini abbiano una gestione delle emozioni diversa, questo studio trova che ciò ha un riflesso nel funzionamento cerebrale.
Le sono più degli perché elaborano le informazioni in maniera differente? Nella percezione comune non è una novità che le donne siano definite più emotive degli uomini. Questo studio ha trovato che ciò è riscontrabile anche osservando la loro attività cerebrale davanti a immagini studiate per suscitare reazioni. Rimane interessante capire quanto ciò dipenda dall’educazione, dalle aspettative sociali e dal tipo di giochi che si fanno fin dalla nascita. Bambole e soldatini o differenze genetiche?

 

Le donne reagiscono più intensamente alle immagini negative rispetto agli uomini, una differenza che può essere notata anche a livello cerebrale.

I ricercatori dell’Università di Basilea, il cui studio sarà pubblicato sul prossimo numero del Journal of Neuroscience, hanno scoperto che le donne valutano immagini positive e negative come più emotivamente stimolanti rispetto agli uomini e che i loro cervelli sono maggiormente attivati quando stanno

Se le donne sono frivole è perché sono intelligenti a oltranza. Alda Merini
visualizzando le immagini negative.

Un totale di 3.398 uomini e donne dai 18 ai 38 anni hanno partecipato a questo studio in cui sono state mostrate 72 immagini di scene naturali classificate come positive, neutre o negative. Ad esempio, hanno mostrato le immagini di gattini (positive), case (neutre) e infortuni (negativi).

I partecipanti hanno valutato le immagini dicendo se le trovavano positive, negative o neutre e valutando l’impatto emotivo. Le donne in generale hanno detto che le immagini negative e positive avevano una effetto emotivo più forte rispetto a quanto riportato dagli uomini.

  • Le donne sono più sensibili degli uomini? Le immagini della ricerca
  • Le donne sono più sensibili degli uomini? Le immagini della ricerca
  • Le donne sono più sensibili degli uomini? Le immagini della ricerca

Per mettere alla prova la loro memoria i ricercatori hanno distratto i partecipanti per 10 minuti e poi hanno chiesto loro di ricordare alcune delle immagini viste in precedenza. Le donne hanno nettamente battuto gli uomini ricordando tutti i tipi di immagini.

I ricercatori hanno visto anche i dati della risonanza magnetica dei 696 dei partecipanti e hanno scoperto che le donne avevano un’attivazione cerebrale maggiore rispetto agli uomini, in particolare nelle regioni motorie, quando guardavano immagini negative.Uno degli stereotipi più diffusi su donne e uomini p che le prime siano più sensibili. la ricerca ci dice che in effetti una differenza c'è anche se è sempre bene andare cauti con le definizioni.

Era già noto che le persone tendono a ricordare meglio ciò che è emotivamente stimolante e che le donne superano gli uomini nei test di memoria. Si può dunque ipotizzare che le donne, avendo una reazione emotiva più forte, abbiano di conseguenza una miglior memoria.

I ricercatori non sanno perché il cervello delle donne si attiva di più di fronte a stimoli di natura emotiva, e potrebbe trattarsi di una qualità innata o del risultato del condizionamento sociale, ma potrebbe essere interessante mettere in relazione questi dati con il fatto che le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare depressione, disturbi d’ansia e disturbo da stress post-traumatico, tutti collegati con disregolazione emotiva.

Curated from Uomini e donne elaborano le informazioni in maniera differente

 https://www.youtube.com/watch?v=VY1Ckl-Gcqw

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2015


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta