2

Obbligo di POS per gli psicologi: quali offerte?

DAl 30 giugno 2014 scatta l'obbligo del POS per gli psicologi liberi professionisti

Cosa succede?

Con l’entrata in vigore del Decreto Ministeriale 21/01/2014 tutti i liberi professionisti, anche quelli che guadagnano meno di 200 mila euro l’anno, sono obbligati a dotarsi di POS, cioé di quelle macchinette che usiamo tutti i giorni per pagare mediante bancomat o carta di credito.

Gli effetti

Sappiamo tutti che questo obbligo non risolverà certo l’evasione fiscale dato che chi vuole evadere le tasse si metterà d’accordo con il cliente e dunque sotto questo profilo le cose non cambieranno. Questo provvedimento dunque avrà essenzialmente quattro effetti:

  1. offrirà ai clienti un servizio in più che, considerata la sempre maggior diffusione dei pagamenti senza contante, andrà sicuramente incontro alle loro esigenze
  2. sottoporrà i liberi professionisti a dei costi maggiori
  3. potrà, in qualche caso, evitare quelle spiacevoli situazioni in cui i clienti si “dimenticano” di pagare le prestazioni del professionista
  4. incrementerà vendite di smartphone e tablet che servono in alcune delle formule previste per il pagamento via POS

Le aziende sanno che centinaia di migliaia di liberi professionisti dovranno rispettare questo obbligo per cui hanno cominciato a fare offerte e sicuramente qualche buona condizione riusciremo a trovarla.

Ogni psicologo ha la libertà di decidere a quale offerta aderire ma sicuramente l’Enpap stipulerà una convenzione con qualche operatore per cui potrebbe essere saggio aspettare e vedere se l’offerta migliore non sia proprio quella offerta dalla nostra cassa di previdenza!

I tipi di pos

  • POS  fisso: si utilizza la line del telefono fisso a cui il POS sarà collegatopos mobile psicologi
  • POS cordless: alla linea del telefono fisso è attaccata una base, il POS si può staccare
  • POS GSM/GPRS: il POS ha una scheda SIM integrata e dunque può essere portato in giro e usato anche in assenza di linea telefonica fissa
  • POS Virtuale o Mobile: sfrutta il collegamento con lo smartphone del libero professionista per effettuare il pagamento. Non c’è dunque bisogno di una SIM ulteriore, come invece nell’esempio precedente

Esiste poi un quinto metodo di pagamento via smartphone che non prevede alcun lettore di carta ma solo l’invio di un sms! Lo psicologo invia un sms attraverso un’app sul suo smartphone, il cliente riceve l’sms e clicca il link contenuto in esso per poter pagare inserendo il numero di carta di credito.

Le offerte

Qui di seguito trovate un po’ di offerte raccolte liberamente in rete

POS per psicologi

AziendaInstallazioneCanone mensile Percentuale su transazioneCosto lettore
Poste x titolari conto bancoposta - POS GSMGratuita10 € + IVA0,60% col bancomat
da 0,85% a 1,25% a secondo della carta
nessuno
Poste x titolari bancoposta - POS virtualeRichiede installazione di una appGratuita2,50%59 € IVA esclusa fino al 31 maggio, poi 79 € IVA esclusa
Payleven - POS virtualeRichiede installazione di una appGratuito2,75%79€ IVA esclusa
Vodafone in collaborazione con Banca San PaoloRichiede installazione di una app e una SIM Vodafone.2 €0.70% se pagobancomat
1.50% se carta di credito
Non dichiarato
Move and pay di Intesa San paoloRichiede installazione di una app2 €Variabile a seconda del circuito (VISA, Mastercard) e dell'attivitàIn comodato gratuito ma in caso di smarrimento costa 200€
Sum Up - pagamento via smsRichiede installazione di una appGratuito1,95%Non c'è lettore
Jusp - POS virtualeRichiede installazione di una appGratuito2,50%39 € IVA esclusa
Wallet-ERichiede installazione di una appGratuitoNon dichiaratoNon dichiarato

 

 

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2014

Comments

  1. […] Dal 30 giugno tutti gli psicologi liberi professionisti dovranno dotarsi di POS, ecco le offerte in circolazione! Quale pensate di scegliere?  […]

  2. […] questione del POS: si è tramutata in un nulla di fatto fortunatamente. Anche se non sono previste sanzioni […]