Apprendere online: un’evoluzione che gli esperti non si aspettavano

I l web ci rende più solitari?
Questo è sicuramente uno degli interrogativi che ha suscitato e suscita lo sviluppo delle tecnologie di comunicazione mediata da dispositivi ad alta tecnologia.
La domanda è corretta, ma la realtà è sempre più “fantasiosa” di quanto noi ci aspettiamo.

E’ il caso dei corsi online – i cosiddetti MOOCS, cioé massive open online course – organizzati spesso da prestigiose università e aperti alla partecipazione di tutti attraverso l’utilizzo di video, materiali di studio in formato elettronico, forum per il lavoro in gruppo e disponibilità di tutoraggio online.

Il numero di questi corsi è in costante ascesa come indica un articolo di inizio 2013 pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature in base ai dati riassunti in questa immagine.

Un grafico sui numeri dei MOOCs , i corsi online

Un grafico sui numeri dei MOOCs – Credits @ www.nature.com

 

Learning hubs & meet-up

Chiunque abbia frequentato un corso tradizionale sa che questo, oltre ad essere un’occasione di apprendimento e di sviluppo, è anche un’opportunità per socializzare, scambiare opinione e conoscenza con i corsisti e per creare un network tra persone che hanno professionalità o interessi simili., Dunque, come ci chiedevamo all’inizio, i corsi online facilitano l’isolamento dei partecipanti? Una risposta la fornisce un recente articolo della BBC  che testimonia come gli studenti dei corsi online tendano a raggrupparsi, a ritrovarsi in luoghi informali (bar, caffetterie, abitazioni) o formali (spazi organizzati ) proprio per studiare insieme, aiutarsi nell’apprendimento e nello svolgimento delle esercitazioni invertendo così il luogo comune che l’apprendimento online tenda ad allontanare le persone!

Uno dei maggiori provider di corsi online si chiama Coursera e il suo numero di utenti registrati ammonta a 7 milioni, supera cioè il numero degli studenti universitari di Francia e Regno Unito messi assieme, offre corsi che spaziano dalla biologia alla fisica passando per le scienze sociali e la medicina. Coursera sembra che abbia intuito il che gli studenti vogliono socializzare e apprendere allo stesso tempo e sta sviluppando una serie di learning hub: spazi convenzionati dove gli studenti si possono ritrovare, studiare, assistere alle lezioni insieme. Dove non sono disponibili questi spazi gli studenti creano autonomamente dei meet-up mettendosi d’accordo sull’ora e sul punto d’incontro, alcuni di questi si ritrovano anche in spazi “prestigiosi” come il Centre Pompidou a Parigi o alla British Library a Londra.

Online o dal vivo, chi resiste di più?

Trattandosi di corsi gratuiti i partecipanti sono spesso poco motivati a completarli e spesso li abbandonano durante lo svolgimento (i cosiddetti drop-out appunto): se la percentuale di studenti che studiano da soli a casa e che completano i corsi arriva fino al 30%, nel caso degli studenti che si ritrovano o studiano insieme nei learning hub si arriva anche a percentuali del 100%!

Corsi online - MOOCs

Credits to www.nature.com

Una bella conferma di come anche le attività online favoriscano la socializzazione e di quanto anche nell’educazione sia necessario curare gli aspetti di incontro e scambio tra le persone.

 I 10 provider di corsi online più conosciuti

  1. Udemy Free Courses
  2. ITunesU Free Courses
  3. Stanford Free Courses
  4. UC Berkeley Free Courses
  5. MIT Free Courses
  6. Duke Free Courses
  7. Harvard Free Courses
  8. UCLA Free Courses
  9. Yale Free Courses
  10. Carnegie Mellon Free Courses
Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2014
Acknowledgements: www.bbc.co.uk, www.nature.com


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta