Cosa succede all’estero?

Il logo del CAMH

Un'immagine di come sarà il CAMH alla fine della ricostruzione

Considerando che in Italia la situazione degli non sembra migliorare con il passare del tempo perché il numero dei colleghi cresce ma le occasioni di lavoro diminuiscono è curioso vedere che cosa succede in altri paesi del mondo. In particolare questo è quello che succede a Toronto, nel Centre for Addiction and Mental Health.

 

Il CAMH (Centre for Addiction and Mental Health) di Toronto è i più grande ospedale del Canada dedicato alla salute mentale e integra le funzioni di una struttura di ricovero, riabilitazione, residenzialità, ricerca scientifica e insegnamento universitario.
Questo centro sorge sull’originario istituto psichiatrico del 1850, di cui conserva ancora un alto muro che rinchiudeva i pazienti e allo stesso tempo li proteggeva dall’esterno (all’epoca l’istituto si trovava in piena campagna). Il muro è stato conservato come testimonianza storica perché su di esso sono incise numerose scritte di pazienti, ma oggi la filosofia del CAMH è di aprirsi alla comunità nella quale s’inserisce. Sorge infatti in uno dei quartieri più di tendenza di Toronto e al suo interno sono stati creati dei negozi per renderlo un posto appetibile dai cittadini delle zone limitrofe.
[HTML1]
Nel 2001 è cominciato un piano di rinnovamento del sito che ospita la struttura e sono stati investiti 108 milioni di dollari canadesi per l’operazione. Quando i lavori saranno finiti il CAMH avrà al suo interno una galleria d’arte (probabilmente per i lavori dei pazienti), un teatro, un’ala dedicata ai pazienti con diagnosi di schizofrenia, una per i disturbi dell’umore, un’unità pediatrica e una geriatrica, un campo giochi e un campo da basket, un reparto per i pazienti che hanno commesso crimini e un’unità per le dipendenze, vari edifici con le camere per i pazienti.
All’interno dell’area del centro, che corrisponde all’incirca a 9 isolati, si trovano anche un centro di neuroimaging all’avanguardia  (è dotato della PET, per esempio), un’unità di ricerca in genetica ed epigenetica.
Oggi il Centre for Addiction and Mental Health di Toronto ha strutture nuove e confortevoli, un sito moderno, un piano strategico fino al 2020, gestisce un canale youtube e fornisce un servizio di interpretariato per i propri clienti 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 con la possibilità di tradurre il materiale scritto in 50 lingue.
Se non bastasse curiosando sul loro sito si scopre che il CAMH ha vinto un riconoscimento perché rientra tra i migliori datori di lavoro del Canada. Nella pagina che spiega le ragioni di tale riconoscimento sono elencate le motivazioni:
  • i dipendenti possono usufruire in loco di numerosi divertimenti, inclusa una palestra gratuita, una caffetteria con alimentazione salutare e un locale tranquillo per la meditazione e il rilassamento
  • il CAMH incoraggia i dipendenti a risparmiare in vista della pensione attraverso generosi contributi versati a specifici piani pensionistici (fino al 9,2% del salario)
  • offre la maternità o il congedo parentale a stipendio intero per le madri, i padri, i genitori adottivi ed estende la copertura dell’assicurazione sanitaria per tutto il periodo di congedo
  • offre una struttura di cura per i bambini che i dipendenti possono utilizzare quando sono pronti a rientrare al lavoro
  • i nuovi assunti hanno tre settimane di vacanze pagate e con l’anzianità di servizio arrivano fino a 7 settimane

Insomma, sembra quasi di parlare della ASL italiana, no?

 

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2013-2015


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta