La psicologia maltrattata – “Ho sconfitto l’anoressia correggendo bozze”

Uno degli aspetti che ossessionano chi soffre di anoressia è il controllo del peso.

Uno degli aspetti che ossessionano chi soffre di anoressia è il controllo del peso.

Sono convinto che a tutti vada garantito il diritto di esprimersi liberamente ed è un fenomeno in costante crescita quello di persone che, avendo sperimentato qualche forma di sofferenza psichica – decidono di scrivere libri sulla propria esperienza.

Allo stesso tempo ho la speranza che i giornali e la televisione comincino a parlare di psicologia con una certa competenza e quindi mi dispiace leggere articoli come quello apparso su “Sette“, inserto de “Il corriere della sera”, di venerdì 5 ottobre 2012, dal titolo Ho sconfitto l’anoressia correggendo bozze.

Ormai da diversi decenni le varie scuole di psicologia e psicoterapia studiano anoressia e bulimia e le forme d’intervento sono decisamente migliorate nel tempo. La psicologia sistemica, in particolare, ha dato un grosso contributo allo studio dei disturbi alimentari e proprio in Italia – a Milano nello specifico –

La copertina del libro "L'anoressia mentale" di mara Selvini Palazzoli

Mara Selvini Palazzoli ha gettato le fondamenta di un nuovo modo di trattare il problema.

L’articolo Ho sconfitto l’anoressia correggendo bozze non è altro che la recensione del libro di una persona che è stata anoressica ed è riuscita a “guarire” pur non affidandosi a nessun metodo terapeutico, ma utilizzando metodi che definirei non convenzionali.

Scrive infatti il giornalista:

la sua storia….quella di una ragazza, bella e brava, colpita all’improvvisoda uno dei mali più terribili per una donna, l’anoressia.

L’anoressia è dunque dipinta come una sorta di virus che, semplicemente, può capitare o non capitare.

I metodi terapeutici? La ragazza prova un paio di soluzioni la prima delle quali è una visita da uno psichiatra, descritto così:

lo studio del grande psichiatra, “un luminare in città”, è ampio e austero. Lui, anziano e severo, scruta lei che è alta e bionda….Le propone tre incontri alla settimana e la ammonisce: se continua così, morirà. No, non è l’approccio giusto….

Praticamente è la descrizione dell’incontro de La bella e la bestia. E infatti non va a buon fine perché la ragazza decide di non proseguire con gli incontri.
Naturalmente la descrizione dello psichiatra anziano e severo non dà una buona immagine delle professioni psi (psicologiche, psichiatriche, psicoterapeutiche) e d’altra parte da uno così non ci andrei nemmeno io.

Ma, dulcis in fundo, c’è la descrizione dei fattori che hanno contribuito  a guarirla: l’attività come correttrice di bozze per un parroco di montagna, un viaggio in India e la fede.

Non metto in dubbio che per l’autrice del libro abbia funzionato, ma chi lavora in ambito psicologico sa perfettamente che i casi di anoressia arrivano dagli psicologi quando la situazione ormai è critica.

Se ci fosse un’informazione più attenta forse le persone che soffrono di disturbi alimentari sarebbero stimolate a provare una psicoterapia prima di arrivare agli sgoccioli e questo aumenterebbe sicuramente le probabilità di un esito positivo del trattamento.

Perciò sarebbe importante non far passare il messaggio che, per affrontare situazioni del genere, basti fare qualche attività dal sapore romantico è un po’ di ottimismo.

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2012


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta