Scandalo Enpap: la lunga serie di sospetti, smentite e nuove accuse

Denis Verdini, coordinatore nazionale del PdL

L'immagine dell'articolo de L'Espresso comparso anche online a proposito del Sen. Conti, dei suoi rapporti con Denis Verdini e lo scandalo Enpap legato all'acquisto dell'immobile di via Stamperia

[HTML2]

Non si ferma la polemica nata attorno all’acquisto del palazzo Via Stamperia a Roma da parte dell’ente di previdenza ed assistenza degli psicologi italiani.
Come psicologo ho seguito da vicino la vicenda che è stata caratterizzata da una grande attivazione di tutti i colleghi e dalla continua produzione di informazioni, accuse, smentite da parte degli attori in gioco (media, Enpap e associazioni di categoria). E’ il segno – a mio parere – di almeno due ordini di questioni:

  • la politica professionale attraversa un momento di cambiamento e vede l’ingresso di nuovi attori sulla scena. AUPI ha dominato incontrastata per anni costruendo un sistema di potere largamente basato sul voto degli psicologi assunti nel pubblico. Poiché questi ultimi sono in minoranza rispetto ai liberi professionisti e poiché  AUPI ha gestito male gli incarichi ai quali ha avuto accesso si sta determinando una transizione nella politica professionale degli psicologi.
  • La crisi economica e i sacrifici cui tutti siamo costretti riporta al centro dell’attenzione la gestione dei beni comuni (tra questi anche i soldi degli enti di previdenza) e il tema della moralità in politica (dunque anche la corruzione, i favoritismi, l’abuso di potere, ecc).
Ovviamente i vertici di Enpap cercano di difendersi e riescono finalmente – dopo 31 giorni dallo scoppio dello scandalo – a inviare una mail agli iscritti dicendo che è tutto in regola e rimandando ad un documento dal titolo in politichese:UN OGGI VALIDO CHE COSTRUISCE UN FUTURO DI QUALITA’” per illustrare la loro versione dei fatti.
Ma la tardiva risposta di Enpap non può convincere del tutto chi ha seguito nei dettagli la vicenda. Sono troppi i dubbi che i servizi giornalistici e i commenti della Commissione Parlamentare di Controllo sugli Enti di Previdenza e Assistenza hanno sollevato. Last but not least un articolo uscito la scorsa settimana su L’Epresso amplia la prospettiva da cui guardare l’acquisto del palazzo di Via Stamperia.
Si scopre così che il famoso senatore che ha venduto a Enpap l’immobile Denis Verdini, coordinatore nazionale del PdLal’epoca della trattativa con il nostro ente di previdenza non aveva una lira in banca eppure sottoscriveva un anomalo patto con Denis Verdini (coordinatore del PdL) impegnandosi a prestargli 10 milioni di euro o a regalargliene 1, nel caso non glieli avesse prestati nei termini di tempo stabiliti.
Vi chiederete questo cosa c’entri con la questione Enpap: Conti può semplicemente essere uno che non sa tenere i conti tra entrate e uscite, no?
Eppure il giornalista de L’Espresso suggerisce qualcosa di diverso:
Ma una parte dei retroscena di questo pagamento sono finiti nelle conversazioni registrate dagli investigatori: intercettazioni realizzate per un’inchiesta che coinvolge Nicola Orazzini, ex direttore generale di Unipol banca, e amico di Verdini. Dai documenti che “l’Espresso” ha consultato, i due parlamentari sembrano quasi dei veggenti, in grado di anticipare il futuro e la disponibilità economica di Conti.

Ma il Senatore Conti come sapeva che avrebbe di lì a poco incassato un bel po’ di soldi mediante la vendita di Via Stamperia? Una persona maligna potrebbe pensare che abbia preso accordi sottobanco con coloro che dovevano acquistare l’immobile stesso.

Molti, a nostro parere, sono gli errori di AUPI nella gestione della vicenda, eccone alcuni:

  • non aver consultato il CIG (Consiglio di Indirizzo Generale) su un investimento tanto importante (si tratta del 10% del patrimonio dell’ente!). Il CdA si sarebbe messo al riparo da qualunque critica se avesse sottoposto i dettagli dell’acquisto al Consiglio di Indirizzo Generale prima di procedere
  • non aver chiarito subito la vicenda del palazzo di Via Stamperia all’interno degli organismi dello stesso Enpap. Quando infatti il presidente Arcicasa è stato interpellato da alcuni membri del CIG (Consiglio di Indirizzo Generale) in merito all’acquisto dell’immobile avrebbe dovuto fare subito chiarezza sui termini dell’offerta, la collocazione e il valore dell’immobile e la procedura seguita per l’acquisto. Invece i documenti relativi sono stati resi disponibili solo “nominalmente” (per consultarli bisognava andare nell’ufficio del presidente, previo appuntamento che doveva coincidere con le disponibilità del presidente stesso)
  • non aver predisposto un capitolato dei lavori di ristrutturazione dell’immobile: da quanto risulta ascoltando la convocazione del Direttore di Enpap, Massimo Muzzin, davanti alla commissione parlamentare di controllo
  • Non aver controllato la provenienza dell’immobile e il costo a cui era stato precedentemente acquistato

Se vuoi farti un’idea di cosa è successo nello scandalo Enpap di via Stamperia, scarica il nostro dossier!

[HTML1] Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2012


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta