Scandalo Enpap: aggiornamenti dalla Commissione parlamentare

Immagine che rappresenta la composizione partitica della Commissione di controllo sugli enti di previdenza che ha recentemente convocato la dirigenza di Enpap dopo lo scandalo dell'acquisto dell'immobile in via Stamperia a Roma

Immagine che rappresenta la composizione partitica della Commissione di controllo sugli enti di previdenza che ha recentemente convocato la dirigenza di Enpap dopo lo scandalo dell'acquisto dell'immobile in via Stamperia a RomaTra le tante commissioni del nostro parlamento di cui probabilmente non siete a conoscenza (io non lo ero) c’è la Commissione parlamentare di controllo sugli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale.  Il nome è lungo ma la sostanza è breve: si tratta di una commissione che deve vigilare sulla gestione dei fondi da parte degli enti di previdenza sociale obbligatoria, come l’Enpap.

Se non l’avevate mai sentita nominare prima e siete psicologi è molto probabile che in questi giorni il suo nome cominci a circolare tra i vostri conoscenti perché, in seguito alla scandalo Enpap, la commissione ha convocato l’8 di febbraio i vertici della nostra cassa di previdenza per rendere conto dell’investimento immobiliare di Via della Stamperia.

Così mercoledì scorso, al posto dell’audizione prevista per l’ente di previdenza dei farmacisti è stato convocato d’urgenza il vertice di Enpap e, a quanto sembra dal calendario dei lavori della Camera sarà convocato nuovamente mercoledì 15. Per comprendere la necessità di un’ulteriore convocazione è utile citare quanto riportato in un articolo su Italia Oggi

A rispondere alle domande dei parlamentari, il presidente dell’Enpap Angelo Arcicasa, ma non il direttore generale Massimo Muzzin (di cui pure era stata espressamente richiesta l’audizione, perché fra i veri protagonisti della vicenda), il che comporterà, dichiara a ItaliaOggi il presidente della commissione Giorgio Jannone (Pdl) «l’obbligo di sentirli già il prossimo mercoledì».

Non sappiamo perché il Direttore Muzzin non fosse presente ma immaginiamo che debba aver avuto un impegno molto importante per giustificare la sua assenza durante uno degli momenti più critici per il nostro ente di previdenza dall’epoca della sua fondazione. E’ utile ricordare, inoltre, che il Direttore viene nominato dal CdA dell’Ente e, dunque, dev’essere qualcuno gradito ai vertici.

Possiamo immaginare che Massimo Muzzin riponga la sua fiducia nelle capacità di spiegarsi del presidente Arcicasa; peccato che questa volta non dev’essere stata sufficiente se – come riporta Italia Oggi:

Poco convincenti, e spesso addirittura disarmanti, infatti, sono apparse le dichiarazioni rilasciate. Per esempio, replicando a una domanda sull’opportunità, in questa fase di crisi, di accaparrarsi un bene immobile di pregio per un somma tanto elevata, il numero uno dell’ente degli psicologi ha rivendicato la necessità di dotarsi di una sede in una zona centrale e in vista della capitale.

Poiché non compare ancora sul sito della camera nessun verbale relativo all’audizione non sappiamo ancora di preciso cosa sia emerso ma le dichiarazioni del Vicepresidente della commissione, Nino Lo Presti (Pdl), fanno intendere che il quadro non è ancora per nulla chiaro:

«Può darsi sia rimasto incastrato in un meccanismo costruito da chi aveva interesse a non far risultare nei propri bilanci la plusvalenza di 18 milioni. Però, occorre fare rapidamente piena luce sulla questione»

Concordiamo con il Vicepresidente che sia necessario fare luce su tutta la questione e accertare le responsabilità che sembrano essere molto più distribuite di quanto fino ad ora sia apparso. Qual è il ruolo degli altri componenti del CdA? Quello del Direttore e del Collegio dei Sindaci? Attendiamo chiarimenti.

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2012


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta