Pillole di psicologia – come star bene con gli altri

Le pillole di psicologia

Le pillole di psicologiaCome ho già espresso in un precedente post, a volte è meglio non avere del tutto nozioni di psicologia piuttosto che averne poche e sbagliate.

L’universo delle conoscenze psicologiche è così ampio e sfaccettato che è difficile orientarsi al suo interno per chi non lo conosce (a volte anche per chi lo conosce) e dunque sarebbe meglio che l’informazione che circola sul web e sui media fosse il più possibile attenta a fornire informazioni accurate, approfondite e soprattutto non banali.

A proposito di questo argomento mi è capitato sott’occhio questo articolo grazie alla segnalazione di un’amica. Questo è quello che io intendo quando dico che dobbiamo evitare di essere banali.

Potremmo riassumerne il contenuto in questa maniera: ci piace che gli altri si occupino di noi, ma il modo migliore per stare bene che per piacere agli altri è trattarsi bene. Ci assicurano che questo è il parere dell’esperto, uno psicologo clinico, e ci dicono che il modo migliore per apparire bene agli occhi degli altri è stare con persone che ci apprezzino.

E adesso che lo sappiamo? Niente ci spaventerà più! Ora tutti conosciamo il modo in cui ci dobbiamo comportare, sia per stare bene che per attirare gente che ci tratterà bene. Basta stimarsi e rispettarsi, parola d’esperto.

Ora però mi viene da chiedermi: se una persona non ha sicurezza, non si stima, cerca e stabilisce relazioni disfunzionali con gli altri come potrà mettere in pratica tutti questi bei consigli?

Se partiamo dall’ipotesi che sia semplicemente una persona sbadata, che fino a oggi non si era accorta fare tutti questi errori allora possiamo sperare che da domani cambi subito atteggiamento e diventi piena di amici, socievole, amata da tutti e magari anche un po’ ricca che non guasta mai!
Se invece pensiamo che il comportamento di questa persona si sia costruito attraverso un lungo periodo di apprendimento durante la sua crescita e che ormai lei lo metta in pratica senza nemmeno accorgersene, allora non abbiamo risolto un bel niente, anzi abbiamo fatto in modo di farla sentire anche un po’ stupida, perché le abbiamo detto: “Vedi com’è facile? Basta stimarsi e tutto cambia!”

Che sia proprio uno psicologo a prescrivere questa ricetta della felicità io lo trovo francamente un po’ preoccupante, voi che ne pensate?

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2011


A proposito di Davide Baventore

Davide Baventore - Psicologo

Facebook Twitter Google+

Mi chiamo Davide Baventore, sono uno psicologo sistemico, appassionato di teoria della complessità e delle nuove tecnologie. Vivo e lavoro a Milano, Busto Arsizio e svolgo consultazioni psicologiche online attraverso l'uso di skype. Da quando ho cominciato a studiare psicologia mi sono appassionato alle sue molteplici applicazioni, che la rendono una delle scienze più poliedriche che ci siano. Dall'aiuto a chi si trova in un momento problematico allo sviluppo dell'ergonomia, dalle tecniche di rilassamento alla meditazione, dalle applicazioni in ambito lavorativo allo studio della fisiologia del cervello la psicologia è diventata protagonista di una serie di ambiti diversissimi compreso l'utilizzo delle nuove tecnologie sia in senso positivo che negativo. In questo blog cerco di dare informazioni utili a colleghi psicologi e a persone interessate a conoscere questo mondo profondo e poliedrico. Per ogni domanda e curiosità che avete potete scrivermi attraverso il modulo che c'è nella pagina "chi sono" del sito. Ogni suggerimento è gradito! Se invece vi interessa una consulenza psicologica online cercate le informazioni nell'apposita sezione!

Commenta